Simone Marangon torna in gara!

Raccontando di questi ultimi giorni, non posso che partire da ieri, bella giornata che ha visto in quel di Bondeno il ritorno ad una gara del nostro Atleta Associato Simone Marangon. Una 10 km per tornare a respirare dopo tanti mesi di stress, praticamente l’esordio per Simone in questo 2011 e quindi da quando è tesserato con Marathon Legnago. I problemi non sono risolti ma almeno Simone dopo vari e svariati esami e consultazioni sa che la variazione dell’assetto posturale lo riporteranno a correre senza traumi. Tutti di Marathon Legnago porgiamo il nostro plauso a Simone.
A Bondeno vi erano anche Roberto Orsati e Davide Belluzzi a rifinire la preparazione per New York, un 10.000m per dare sprint alle gambe e renderle più nervose prima della mitica maratona della “Grande Mela” che domenica prossima vedrà alla partenza i nostri due Atleti. Li terremo d’occhio……
Domenica passata, un plotoncino di Marathon Legnago ha rosolato le gambe nel nostro percorso Verbena, il nostro giro da 7 km che Andrea Avanzini ha ripetuto 2 volte, Renata Sandrini con il ginocchio sotto “controllo” un po’ di più con i suoi 16 km, Cristian Marconi, Luca Villa, Nicola Tomelleri e io abbiamo fatto 20 km. Il bello di questo trovarsi in allenamento fatto così è quello che ognuno può esprimere la propria velocità senza smarrire il restare e fare “Gruppo”. Grande interprete di questa formula allenante è stato anche in questa occasione Fabrizio Danesi che con l’elastico (andare avanti per poi tornare a far boa sull’ultimo) ha chiuso l’allenamento con 27 km sulle gambe con tratti ben tirati per poi magari recuperare e far due parole affiancando i meno veloci. Ottimo a 2 settimane dalla mezza di Riva. Presente anche Matilde moglie di Andrea che in veste di camminatrice e facente parte del gruppo “Simpatizzanti” non tesserati, ha fatto un giro.
Intanto sempre domenica mattino, un po’ più a nord, alla 30ª Maratona di Francoforte il keniano Wilson Kipsang torna a vincere in 2h03:42 (secondo crono mondiale all time) e fa tremare il fresco record del mondo maschile dei 42,195km (2h03:38 di Patrick Makau stabilito il 25 settembre a Berlino), un’altra atleta italiana centra il minimo olimpico per Londra 2012. E’ la neoprimatista nazionale di mezza maratona (1h08:27 a Cremona due settimane fa) Nadia Ejjafini che giunge sesta in 2h26:15, nella gara dominata dall’etiope Mamitu Daska in 2h21:59. L’italo-marocchina dell’Esercito,frantuma il precedente limite personale di 2h37:25 corso nel 2007 a Milano. La Ejjafini – 34 anni da compiere il prossimo 8 novembre – ottiene così anche la terza migliore prestazione italiana dell’anno sulla distanza alle spalle di Anna Incerti (Fiamme Azzurre/2h25:32) e Rosaria Console (Fiamme Gialle/2h26:10) e davanti a Valeria Straneo (Runner Team 99/2h26:33), ovvero le altre tre maratonete che avevano già conseguito a Berlino lo standard di partecipazione fissato dal Consiglio Federale (in accordo con il CONI) per i prossimi Giochi Olimpici.
Altra bella prestazione per Anna Incerti alla Great South Run di Portsmouth (Gran Bretagna). La maratoneta siciliana delle Fiamme Azzurre – bronzo europeo dei 42,195km a Barcellona 2010 – è tornata a cimentarsi sulle 10 miglia (16,0930km) della prova britannica, chiudendo al 6° posto nel tempo di 54:18. La vittoria è andata all’etiope, bronzo iridato 2009 di maratona, Aselefech Mergia con 52’55”

Leave A Comment

Watch Dragon ball super